perché non sei stato tu?

Da un paio di giorni sono immersa in una lettura che non riesco a interrompere facilmente per dedicarmi ad altro. Era molto che non mi succedeva. Soprattutto è importante il fatto che vi stia ritrovando molti miei rimuginamenti. Le mie seghe mentali di quasi ventisettenne sono quelle di una diciottenne degli anni ’30, con un’esperienza di vita minore e una profondità di pensiero molto  maggiore. E, con un certo sollievo, mi accorgo che non sono io a essere ipercerebrale, cervellotica, eccessivamente seria; sono semplicemente fuori contesto. Ciò che provo è al cuore dell’esperienza di vita di ciascuno, ma si cerca con ogni mezzo di anestetizzarsi. Ciò che un tempo sarebbero stato ordinario, adesso stanca, appare pesante. Con questo non voglio certo dire che ambisco a un passato luminoso, anzi, le disincarnanti ossessioni verso una dimensione perduta mi sembrano sterili, preferisco aderire al presente. Ma sono felice, o meglio rassicurata dal fatto di trovare una nuova conferma alla necessità di rimanere fedele a me stessa, per quanto ciò possa essere impopolare.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...